Le estati sono, anno dopo anno, sempre più calde e umide, e per riuscire a sopportare questo clima tutt’altro che piacevole è importante correre ai ripari. Una volta si ricorreva al ventilatore, ma oggi è davvero efficace il condizionatore, soprattutto se si tratta di un modello portatile, che potrete utilizzare nella stanza che preferite, in base alla vostra necessità. Sceglierlo però non è così facile come sembra. Il rischio reale è quello di acquistare un prodotto non adeguato al proprio ambiente casalingo, magari sottodimensionato per l’uso che se andrà a fare. In questo articolo vogliamo invece suggerirvi come scegliere il condizionatore portatile più adatto per le vostre esigenze. Continuate a leggere per capire come scegliere il modello migliore per voi.

I Condizionatori e climatizzatori portatili del 2020

Non hai voglia di leggere e vuoi andare subito al sodo? Ti abbiamo preparato la lista dei migliori condizionatori portatili che puoi acquistare online!

Risparmia subito soldi e tempo. Qualità, le migliori marche, i prodotti più venduti e con più feedback

Pagamento Sicuro – Sito Sicuro –  Reso Gratuito con Amazon.it

Vantaggi di un condizionatore portatile

Il vantaggio principale dei condizionatori portatili è che generano aria fresca e vi permettono di godere di una temperatura piacevole, per diverse ore del giorno e della notte, nella camera che preferite. Infatti potrete spostare il dispositivo comodamente, nell’ambiente in cui vi sarà più utile. Ad esempio potrete utilizzarlo durante le ore notturne, per deumidificare la camera da letto, mentre riposate. Inoltre, i modelli più nuovi di condizionatori portatili sono più silenziosi rispetto ai precedenti ma anche rispetto ai condizionatori fissi.

Spesso chi sceglie un condizionatore portatile infatti lo fa proprio perché la presenza del motore esterno di un condizionatore fisso a volte è troppo rumoroso, soprattutto durante la notte. Ma anche perché un condizionatore fisso richiede un’installazione da parte di professionisti e di un costo maggiore.

Sicuramente il condizionatore portatile è molto comodo, proprio per questa sua capacità di essere portato in giro, ma ha la necessità di essere posizionato vicino ad una finestra. Infatti, i condizionatori portatili per portare fuori aria calda, e raffreddare una stanza, sono dotati di un tubo, che deve passare attraverso la finestra.
Inoltre, altro vantaggio del condizionatore portatile, è che se si è in affitto si preferisce acquistare un modello che poi, eventualmente ci si può portare via, anziché installarne uno fisso. Molti proprietari di appartamenti infatti, non consentono di eseguire lavori di muratura e sono pochi gli affittuari che desiderano spendere di più per lavori di muratura e condizionatore fisso che poi saranno costretti a lasciare lì. Per queste persone c’è il condizionatore portatile, che non richiede installazione o lavori di muratura. Sarà sufficiente appoggiarlo a terra, e potrete portarlo in giro grazie alle ruote integrate. E la stanza sarà immediatamente invasa da un clima piacevole.

Inoltre, a volte, chi abita in edifici storici può avere delle difficoltà ad installare un condizionatore tradizionale, perché non è possibile pregiudicare o alterare l’estetica dell’edificio stesso. In questo caso, l’unica soluzione possibile è il condizionatore portatile.

Caratteristiche: come scegliere un condizionatore portatile

Per scegliere il miglior condizionatore portatile adatto alle proprie esigenze è necessario tenere in considerazione alcune caratteristiche. Una di queste è la silenziosità, ma non è di certo l’unica.
Altre caratteristiche da tenere in considerazione sono il consumo. Infatti, questo elettrodomestico funziona con l’energia elettrica, quindi fate attenzione alle indicazioni indicate sulla scheda. L’efficienza energetica, ovvero i consumi, sono indicati da alcune lettere che vanno in scala dalla A alla G.

Se il condizionatore ha una classe di efficienza energetica pari ad A significa che il consumo di energia sarà molto ridotto rispetto ad un condizionatore con classe B. Esistono però alcune diciture diverse, come A+, A++, A+++ e così via.

Sempre legato al tema dei consumi c’è la presenza o meno della tecnologia Inverter. Se un condizionatore è dotato di inverter significa che sarà in grado di gestire in modo più equilibrato il raffreddamento di un ambienta. Infatti, grazie al motore inverter, una volta che avrete raggiunto la temperatura impostata, calerà la potenza, in modo lento, e la temperatura dell’ambiente si manterrà costante, pur non andando a pesare troppo sui consumi. I condizionatori che non sono dotati di questo sistema invece funzionerà in modo più meccanico, disperdendo maggiore energia e quindi consumando di più, accendendosi ogni volta.

Con la tecnologia inverter invece il consumo si abbasserà del 30%, rispetto ad un condizionatore tradizionale.

Altro aspetto molto importante, determinante nella scelta di un condizionatore portatile è la sua rumorosità. Infatti, pensate sempre che questo elettrodomestico verrà utilizzato anche durante le ore notturne, mentre riposate, quindi è importante che non sia rumoroso, per non disturbare il sonno. Sulla scheda tecnica di ogni prodotto controllate quanti sono i decibel, i db, ovvero l’unità di misura del rumore. Minori saranno i decibel, più il condizionatore sarà silenzioso. Solitamente i condizionatori portatili hanno tra i 40 e i 50 db. Esistono però alcuni modelli anche più silenziosi.
Ci sono poi alcuni condizionatori dotati di funzione “Sleep”, che permette di abbassare il rumore del motore e consentirvi un sonno più piacevole.

La potenza refrigerante invece, che dovete tenere in considerazione in base alla misura della stanza che dovrete raffreddare, è indicata dai BTU. Maggiori sono i BTU, maggiore è la potenza refrigerante del condizionatore. Solitamente i BTU si aggirano tra i 6.000 e i 12.000 BTU.

Come funziona un condizionatore portatile

Esistono diverse tipologie di condizionatori portatili. L’unico aspetto che può non piacere a tutti è la presenza del tubo che va sistemato fuori dalla finestra, per eliminare l’aria calda, portandola fuori dall’ambiente interessato. Per risolvere questo problemi è possibile abbinare il telo sigillante con foro apposito per il tubo di uscita dell’aria da posizionare sulla finestra. In questo modo non correrete il rischio di disperdere l’aria fresca generata.

Esistono poi alcuni modelli che possono funzionare senza tubo, e sono quelli che funzionano con un sistema di evaporazione dell’acqua e del ghiaccio. Questa soluzione piacerà a chi non ha tanto budget a disposizione. Infatti questo modello non necessita installazione, ed è anche più economico. Il contro è che non sarà efficiente tanto quanto un climatizzatore dotato di tubo, ma dipende sempre da che uso dovrete farne.
Alcuni condizionatori sono dotati di diverse funzionalità, come il timer, che permette di programmare la temperatura e l’orario di accensione e spegnimento. Altra funzione disponibile in alcuni condizionatori è il tastosleep”, che riduce la rumorosità dell’apparecchio, molto utile soprattutto durante la notte, e poi, funzione fondamentale secondo la nostra opinione, è il deumidificatore che toglie l’umidità dall’aria, e vi permette di godere della propria casa, anche nei mesi più torridi.

Modelli “caldo-freddo” e pompa di calore

Le differenze principali che possono distinguere un condizionatore portatile da un altro sono quelle che riguardano principalmente tre aspetti: monoblocco o split, solo freddo o a pompa di calore, e poi con interruttore on-off o a inverter.
I condizionatori monoblocco sono composti da un’unica unità e da un tubo di scarico che porta l’aria calda fuori dall’abitazione, come ad esempio sul balcone o da una finestra. I condizionatori split, invece, sono formati da due parti: quella da cui esce l’area fredda, da posizionare all’interno dell’abitazione, e il condensatore, da sistemare all’esterno.

Altra caratteristica è quella che riguarda il sistema solo freddo o a pompa di calore. Questa differenza riguarda il condensatore. Quelli chiamati “solo freddo” raffreddano l’aria in estate, gli altri invece con pompa di calore sono utili per riscaldare l’ambiente durante l’inverno. Uno dei vantaggi della pompa di calore è che riscalda molto di più di una stufetta elettrica o un termoventilatore, senza però incrementare eccessivamente i consumi.

Infine, l’ultima differenza: “on-off” o inverter. I primi si accendono e si spengono automaticamente una volta impostata la temperatura. Quando si accende il condizionatore parte alla massima potenza fino a raggiungere la temperatura desiderata e poi si spegne. L’inverter, invece, ha una tecnologia modulante che gli permette di accendersi e di gestire in maniera più graduale ed equilibrata il raffreddamento della stanza. La tecnologia inverter vi permette di risparmiare di più sui consumi.

Incentivi per l’acquisto e bonus condizionaotre

Anche per il 2020 è previsto un Bonus ristrutturazioni. La proroga è stata approvata in maniera definitiva in Senato della Legge di Bilancio 2020 e sarà possibile ottenere lo sconto Irpef del 50% sugli interventi di edilizia.

Esistono diverse possibilità per usufruirne, sia per condizionatori con ristrutturazione edile e detrazione al 50% se il nuovo impianto è a pompa di calore, anche a non alta efficienza ma mira al risparmio energetico + riduzione IVA al 10%. In questo caso il bonus è valido solo su unità immobiliari residenziali o parti comuni, condomini.

C’è inoltre un bonus su climatizzatori a risparmio energetico, con detrazione al 65% per condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza che sostituiscono l’impianto di riscaldamento esistente. La detrazione è fruibile sia per abitazioni, uffici e negozi.

C’è poi un bonus condizionatori con bonus mobili con ristrutturazione. In questo caso la detrazione sarà del 50%, quando si realizza una ristrutturazione edilizia straordinaria su singole abitazioni o condomini, è possibile fruire della detrazione se si acquistano mobili e grandi elettrodomestici A+ (A per i forni), ivi compresi i climatizzatori.

Infine c’è il bonus condizionatori senza ristrutturazione: se non vengono effettuati lavori di ristrutturazione, è possibile lo stesso fruire dell’agevolazione fiscale, in quanto l’intervento rientra in quei lavori agevolabili al 50% su 10 anni, a patto che il condizionatore sia in pompa di calore.

I migliori condizionatori portatili

Abbiamo selezionato per voi i migliori condizionatori portatili, individuando i più performanti e con un rapporto di qualità prezzo particolarmente interessante. Ecco qualche consiglio per fare l’acquisto migliore e più adatto alle vostre esigenze.

Il primo che vi consigliamo è questo di Hysure. Si tratta di un deumidificatore di piccole dimensioni, portatile, silenzioso e con bassi consumi.

La tecnologia Peltier lo rende molto leggero e silenzioso, e il rumore è sempre sotto 33dB senza alcun suono fastidioso.

Questo deumidificatore permette di purificare l’aria e fornire un ambiente fresco e confortevole per bambini e adulti. Sarà perfetto per un ambiente di circa 10 o 20 metri quadrati, come camera da letto, soggiorno, studio, ufficio, dormitorio e scuola.

Il consumo energetico è basso e si tratta di un deumidificatore rispettoso all’ambiente. Inoltre, si spegne autoticamente dopo che il serbatoio è pieno, riducendo sensibilmente l’umidità nell’aria e l’odore di muffa, eliminando i batteri causati dall’umidità e risolvendo altre problematiche.

Pagamento Sicuro – Sito Sicuro –  Reso Gratuito con Amazon.it

Altro condizionatore è quello di GesundHome, portatile, e 3 in 1, con raffrescatore evaporativo, umidificatore e purificatore d’aria. Si tratta di un prodotto perfetto per una stanza, come la camera da letto, l’ufficio, il camper o il garage, mentre fate qualche lavoretto. Si tratta di un prodotto compatto che grazie a comode prese d’aria regolabili raffredda, umidifica e pulisce le particelle di polvere per una migliore qualità dell’aria. Non utilizza refrigeranti tossici, è quindi sicuro da usare ed ecologico.

Pagamento Sicuro – Sito Sicuro –  Reso Gratuito con Amazon.it

Ottimo anche il condizionatore portatiel di Argoclima, Slimmy. Bianco e con un design moderno e semplice, adatto ad ogni ambiente, dispone di un pannello di controllo digitale e un display a LED. E’ inoltre dotato di un telecomando user-friendly e di timer programmabile. Dispone anche di modalità “sleep” per permettervi di riposare meglio durante le ore della notte, senza essere disturbati da fastidiosi rumori, e di riavvio automatico dopo un’interruzione di corrente, senza perdere le impostazioni.

Potrete scegliere fra tre diverse velocità, con alette verticali e orizzontali regolabili. Infine, potrete rimuovere o pulire il filtro dell’aria, facilmente. Sicuramente si tratta di uno dei condizionatori portatili migliori, presenti sul mercato, ad un prezzo accessibile.

ARGO CLIMA Slimmy Condizionatore Portatile, Bianco
  • Potenza frigorifera: 9000 BTU/h – 2350 W
  • Potenza di deumidificazione: 1 L/H – 24 L/J

Pagamento Sicuro – Sito Sicuro –  Reso Gratuito con Amazon.it

Ultimo condizionatore che vi consigliamo è quello di Argoclima: Relax. Soi tratta di un climatizzatore portatile a 10.000 Btu, display LED e pannello comandi digitale.

Si tratta infatti di un condizionatore monoblocco, di design, con finiture bianche, che raffredda e deumidifica.

Inoltre, vi offre anche una vaporizzazione automatica della condensa in funzione climatizzazione e vi dà la possibilità di scarico continuo della condensa in modalità deumidificazione.

Inoltre, è facilissimo da spostare, grazie alle ruote multi direzionali e alla pratica maniglia.

Ultimo aggiornamento 2020-07-10