condizionatore-portatile-a++

Miglior Condizionatore portatile risparmio Energetico A+++

Visto che l’Estate è sempre più vicina, siamo sicuri che molti di voi staranno scegliendo proprio in questi giorni un condizionatore per casa propria. Facile a dirsi, meno a farsi. Il condizionatore per essere davvero utile, e soprattutto per rendere più confortevole casa propria, deve avere alcune caratteristiche. Essere silenzioso e contenere i consumi elettrici, soprattutto. Oggi vi aiuteremo a scegliere il migliore condizionatore silenzioso e a risparmio energetico per casa vostra, individuando le diverse funzioni. Continuate a leggere per saperne di più

Modelli con un buon risparmio energetico

Trattandosi di un condizionatore d’aria, probabilmente verrà usato in maniera prolungata e continuativa durante tutto l’estate. Magari anche numerose ore, come quelle notturne. In questo caso è bene orientarsi sempre verso un modello che permetta di ottenere un buon risparmio energetico.

Il consumo di un condizionatore dipende dalla classe energetica e dal modello, ovviamente. A questo devono essere aggiunte anche le caratteristiche della casa. Ovvero, se la casa è molto assolata, e quindi più calda, oppure se ha un isolamento migliore o peggiore, potrebbe essere necessaria una maggiore potenza da parte del prodotto.
I moderni condizionatori inverter sono in grado di modulare la loro potenza in base alla temperatura dell’ambiente. Una volta avviati e raggiunta la temperatura desiderata, continuano a lavorare al minimo per mantenere costante la temperatura e assicurarti così il massimo comfort abitativo, tutto questo senza però far crescere i consumi. Quindi maggiore confort ma anche tranquillità, per quanto riguarda le spese.

L’importanza delle classi energetiche

Il nostro consiglio è di scegliere sempre un condizionatore ad alta efficienza energetica, classe A+, A++, o A+++. Infatti, il nuovo sistema di etichette è stato introdotto dalla Commissione europea e prevede una gamma di sette classi energetiche: A+++, A++, A+, A, B, C e D. Le classi A sono quelle più vantaggiose, in termini di risparmio energetico.

Non dimentichiamo inoltre che il risparmio energetico è strettamente legato non solo alle bollette ma anche alla salvaguardia dell’ambiente. Meno consumi significa infatti meno emissioni. E in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, è un fattore molto importante.
Parlando di risparmio energetico, sono molto significativi anche i modi d’uso. In qualche caso poi è anche la tecnologia a venire in aiuto. Ad esempio, il condizionatore smart wifi può essere gestito nelle principali funzioni e controllato da remoto. Anche tramite smartphone, infatti con un’apposita applicazione diventa il telecomando del condizionatore.

Come scegliere un condizionatore d’aria

Prima dell’acquisto è fondamentale valutare una serie di aspetti che determinano una scelta efficiente. Innanzitutto occorre considerare il tipo di modello, e poi il funzionamento, la trasportabilità. Anche la tecnologia con cui funziona è essenziale per determinarne i consumi: a inverter o On/Off?

I diversi modelli

I condizionatori possono essere di diversi modelli. Esistono i condizionatori tradizionali, chiamati anche raffrescatori, le pompe di calore che lavorano bene anche al contrario, ovvero riscaldare ambienti freddi durante il periodo invernale. Alcuni condizionatori sono a compressione, altri invece ad assorbimento. Questi ultimi però vengono utilizzati in locali di grandi dimensioni come fabbriche o ristoranti. Quelli a compressione invece sono i soliti che vedete installati nelle abitazioni.

Inoltre, i condizionatori possono essere fissi, ovvero installati con un’opera di muratura da parte di un professionista, e dotati di un’unità esterna. Oppure possono essere mobili, ovvero portatili grazie alla presenza di ruote. Nel paragone i condizionatori portatili costano di più rispetto a quelli fissi, e hanno una potenza minore. Ma in alcune condizioni, come palazzi storici oppure nel caso di affittuari di una casa, possono essere la soluzione migliore.

Dove posizionare il tubo per ridurre i consumi

I condizionatori portatili hanno però un tubo flessibile, che a volte può creare qualche problema per il loro uso. Infatti, il tubo è flessibile e di diametro ridotto, ma va comunque fatto uscire dalla casa, per portare fuori calore. Quindi la soluzione è di portarlo fuori facendolo passare attraverso una finestra semi chiusa. Questo però, come è facile intuire, può generare una forte dispersione termica.

Sarebbe bene quindi appoggiarlo in prossimità di una finestra esposta a sud o a ovest della casa, o comunque una zona più ombreggiata, meglio ancora se con uno schermo solare o una tenda esterna.

Questo vi aiuterà a garantire una zona in ombra costante alla finestra, durante i mesi estivi. In commercio, inoltre, esistono delle apposite guarnizioni nate per isolare la fessura lasciata aperta per consentire l’uscita del tubo flessibile del condizionatore portatile.
Oppure, il tubo del condizionatore portatile può essere posto anche in una qualsiasi presa d’aria della casa per la ventilazione dei locali.

Potenza e split

Un ulteriore caratteristica da considerare se si parla di risparmio energetico è la potenza, legata anche alla posizione del motore. Parliamo in questo caso della differenza tra condizionatore monoblocco o split.

Nel primo caso il motore è inserito all’interno del dispositivo, rendendolo più trasportabile ma al tempo stesso più rumoroso. Nel caso di split invece, il motore è separato e può essere posizionato all’esterno o comunque lontano dal luogo di fruizione.
Se è presente un unico motore esterno collegato a due split, la potenza della macchina esterna è inferiore alla somma delle singole potenze. Ad esempio, con due split interni da 9.000 BTU ciascuno, il motore sarà da 14.000 BTU, sufficiente perché difficilmente entrambi saranno al massimo delle prestazioni contemporaneamente.

Inverter o On/Off

Per avere un cospicuo risparmio energetico e quindi di consumi, occorre considerare la differenza tra le tecnologie alla base del condizionatore. Nel caso di On/Off, il dispositivo utilizza tutta la sua potenza massima per raggiungere la temperatura impostata, per poi spegnersi e quindi fermare il consumo di energia elettrica. La tecnologia inverter alterna infatti la corrente continua a quella alternata, livellando i consumi in base alle effettive esigenze di raffreddamento o riscaldamento.

I tre modelli migliori a risparmio energetico

Abbiamo individuato per voi i migliori modelli, per quanto riguarda silenziosità e bassi consumi, per categoria, tra portatili e con split esterno.

Argoclima Softy

Il primo condizionatore portatile che vi proponiamo è questo di Argoclima SOFTY con potenza massima di 10000 Btu/h. Si tratta di un condizionatore con tre modalità di funzionamento: ventilazione, raffrescamento e deumidificazione. Il pannello comandi è digitale e il display è al LED, con telecomando “user friendly”, con timer digitale programmabile. La vaporizzazione automatica della condensa in funzione climatizzazione offre possibilità di scarico continuo condensa in modalità deumidificazione.

Softy può funzionare in 3 modalità: ventilazione, raffreddamento e deumidificazione. Ha un timer programmabile, funzione memory con auto-restart dopo un black-out, mantenendo le impostazioni, funzione di autodiagnosi con visualizzazione degli errori sul display, e vaporizzazione automatica della condensa in modalità di raffreddamento, nonché la possibilità di scarico continuo della condensa in modalità di deumidificazione. Il suo filtro dell’aria è facile da rimuovere e lavabile.

Argoclima SOFTY Climatizzatore Portatile, 10000 Btu/h
  • Raffredda e deumidifica - potenza max. 10000 btu/h...
  • Pannello comandi digitale e display a LED

Rotec Pac 2000 E

Altro condizionatore portatile è ROTEC PAC 2000 E. Si tratta di un condizionatore d’aria locale, bianco, 2.1 kW, 7200 Btu. Il climatizzatore PAC 2000 E ha una capacità di raffreddamento di 2,1 kW (7.000 Btu) e una portata d’aria massima di 330 m³/h.

Questo condizionatore d’aría può essere sistemato in qualsiasi angolino ed è in grado di rinfrescare la temperatura ambiente abbassandola fino a 16°C. Oltre alla funzione di raffreddamento, il PAC 2000 E può essere utilizzato anche come deumidificatore o come ventilatore, senza raffreddare l’aria.

Il macchinario può essere comandato a distanza e trasportato comodamente da una stanza all’altra, grazie alle pratiche ruote di trasporto. Il cavo può essere piegato sul retro del macchinario.

Argoclima Relax

Altro condizionatore portatile consigliato è quello di Argoclima Relax a 10.000 Btu, monoblocco. Il design è semplice è perfetto per qualunque ambiente. La vaporizzazione avviene in maniera automatica.

Inoltre, c’è la possibilità di scarico continuo della condensa in modalità deumidificazione. Anche la trasferibilità da una stanza all’altra è ottima, grazie alle ruote multi direzionali e alla maniglia.

ARGO Relax Style, Climatizzatore Portatile 10000 btu/h, 2.6 Kw, Gas Naturale R290, Ottimo per Ambienti di 30 mq
  • Climatizzatore portatile, classe energetica a, 3...
  • Alette mandata aria motorizzate orientabili in...

Argoclima Wall 12 Mono

Invece, se cercate un condizionatore silenzioso e dal basso consumo energetico, abbiamo individuato è Argoclima WALL 12 MONO con potenza da 12000 BTU. Il condizionatore è dotato di split con tecnologia inverter, 12000 btu/h e tre modalità di funzionamento: raffrescamento, riscaldamento e deumidificazione. Il telecomando è dotato di display lcd, e display digitale sul pannello frontale e timer programmabile. Inoltre, potrete godere di quattro velocità di ventilazione, modalità sleep, turbo, i feel cold plasma, e tante altre. La funzione “Low voltage startup” garantisce bassissimi consumi in fase di avviamento, evitando così problemi di interferenza con altri apparecchi elettrici. Inoltre, in caso di black-out, riparte automaticamente, mantenendo le impostazioni. Il pannello flat dal design sobrio, di colore bianco puro, è caratterizzato da un display digitale laterale discreto, per un controllo costante del funzionamento del climatizzatore. E poi c’è lo “Sbrinamento intelligente”: il processo di sbrinamento non si attiva se non necessario permettendo un significativo risparmio energetico “Cold draft prevenzioni”: Previene immissione aria fredda durante la funzione riscaldamento.

ARGO WALL 12 MONO Climatizzatore, 1841120 W, 1841120 V, Bianco, 12000 Btu/h, Set di 2 Pezzi
  • Condizionatore split con tecnologia dc inverter,...
  • 3 modalità di funzionamento: raffrescamento,...

Olimpia Splendid OS-C

Altro condizionatore è l’Olimpia Splendid OS-C/SEMIH18EIA, un climatizzatore Fisso Nexya S3 Dual 18 (9+12), Bianco [Classe di efficienza energetica A+]. La potenza massima misurata in kW è di 4,54 freddo / 4,87 caldo. Si tratta di un apparecchio molto silenzioso, con livello di potenza sonora pari a 60 db (A) e funzionamento tramite gas ecologico R410A. Svolge funzioni di ventilazione, deumidificazione, auto, sleep.

Olimpia Splendid OS-C/SEMIH18EIA Climatizzatore Fisso Nexya S3 Dual 18 (9+12), Bianco
  • Massima Potenza in kW: 4,54 freddo / 4,87 caldo
  • Silenzioso, con livello di potenza sonora pari a...

Olimpia Splendid 10000 BTU

Ultimo modello consigliato di condizionatore fisso è l’Olimpia Splendid con potenza da 10.000 BTU/h, dotato di inverter caldo freddo, pompa di calore e Wi-Fi control con Smartphone, Aryal S1 E Inverter 10. Inoltre appartiene alla Classe Energetica A++ / A+.

Speriamo che questo articolo vi possa essere utile nella scelta del vostro condizionatore. Il risparmio energetico è fondamentale per ridurre consumi e quindi denaro investito: ma aiuta anche l’ambiente.

Ultimo aggiornamento 2020-11-30