deumidificatore-portatile-migliore

Miglior Deumidificatore Portatile

Non è tanto il caldo, ma l’umidità. Quante volte l’avete sentito dire. Eppure è proprio così. Quindi, visto che le estati stanno diventando sempre più rovente, anno dopo anno, è bene correre ai ripari e assicurarsi il benessere casalingo o in ufficio, con un buon deumidificatore.
Una casa senza muffa è una casa più salubre, quindi ogni casa dovrebbe averne un deumidificatore. Ne va della vostra salute e della qualità della vita.
Meglio ancora se il deumidificatore è portatile, per spostarlo dove più se ne ha bisogno. Oggi vi spiegheremo meglio come scegliere il vostro deumidificatore portatile e quali caratteristiche dovrebbe avere per essere davvero efficace.

Come funziona il deumidificatore

Un deumidificatore può esservi utile, sia durante la stagione fredda che in quella calda, per rendere più vivibile l’ambiente casalingo. Infatti, moltissime abitazioni, così come molti uffici, durante l’estate e l’inverno, soffrono di alcune problematiche legate all’umidità, e quindi alla differenza tra l’ambiente interno e quello esterno. E l’umidità, oltre ad infiltrarsi nelle pareti e quindi spesso macchiare muri e armadi, rende l’ambiente meno salubre per chi lo vive, e genera odori non troppo piacevoli.

In queste situazioni, non c’è niente di meglio di un deumidificatore. Si tratta infatti di un elettrodomestico in grado di mantenere l’ambiente e il clima più vivibile, eliminando l’umidità e il vapore. C’è chi decide di acquistarne uno da parete e installarlo, con lavori di muratura. E chi, invece, non avendo questa possibilità, si orienta verso un modello portatile, meno dispendioso e meno invasivo. Chiaramente non tutti i deumidificatori sono uguali, ed è importante scegliere con attenzione, quale potrebbe essere il vostro bisogno. Quindi fate attenzione a pro e contro.

Solitamente questo tipo di prodotto funziona con un gas refrigerante, l’R134a. Si tratta di un gas ecologico, che rispetta l’ambiente e allo stesso tempo vi permette di godere di un clima piacevole.

Come sceglierlo

Il prezzo, anche se ovviamente è un importante criterio di scelta, non può essere l’unica discriminante per il vostro acquisto. È più importante che sia dotato di qualche funzione utile, come il timer.

Capacità e luogo di destinazione

Chiaramente, per prima cosa, considerate la sua capacità di deumidificare. Questa viene individuata dal numero di litri di capienza, ovvero di vapore acqueo che riescono a catturare in un giorno intero con qualsiasi condizione climatica.

Inoltre, valutate sempre anche dove utilizzare il vostro deumidificatore. Infatti, in base alla stanza o all’ambiente potrebbero essere necessarie caratteristiche diverse. Il vapore acqueo prodotto in una camera dove asciughi il bucato sarà diverso rispetto a quello presente nella camera in cui dorme vostro figlio.
Un buon deumidificatore portatile dovrà essere dotato di un pannello di controllo elettronico e allo stesso tempo essere un modello leggero. Solo in questo modo potrete trasportarlo da una stanza all’altra con facilità. Nel caso in cui non sia invece eccessivamente leggero, assicuratevi almeno che abbia una maniglia retrattile e robusta.

Infatti, il peso può aiutarvi a capire molto della qualità di un buon deumidificatore portatile. Se è troppo leggero potrebbe avere funzionalità non sviluppate nel migliore dei modi. Allo stesso tempo, se è troppo pesante potrebbe non essere ottimale per i trasporti.
Non trascurate nemmeno l’aspetto estetico, e preferite modelli compatti. Questo genere di deumidificatore di certo non stonerà in nessun luogo voi decidiate di inserirlo. In un ufficio o in casa vostra.

Lo smaltimento della condensa

Tra le caratteristiche del vostro deumidificatore portatile vi consigliamo di controllare anche l’aspetto che riguarda lo smaltimento dell’acqua di condensa. Infatti, ci sono deumidificatori che vi permetteranno di controllare continuamente il livello del liquido al suo interno, di solito contenuto all’interno di taniche con capienza variabile, dai 2 ai 6 litri.

Se la tanica del vostro deumidificatore è grande, passerà maggiore tempo tra uno svuotamento e l’altro, e quindi minore lavoro per voi. Vi consigliamo comunque di non buttare mai l’acqua, ma di riutilizzarla, ad esempio per il ferro da stiro.
Altri modelli, ma non si tratta di modelli portatili, vi permetteranno di non avere una tanica, ma di collegare il deumidificatore, tramite un tubicino lungo un paio di metri, al lavandino o alla vasca, per smaltire acqua in modalità continua.

Rumorosità

Altra caratteristica molto importante, per un deumidificatore portatile è la rumorosità. Infatti, visto che presumibilmente lo utilizzerete anche nelle ore notturne, è importante scegliere un modello che non faccia molto rumore, affinché non vi disturbi il sonno. La maggior parte dei modelli si aggira attorno ai 45 decibel, un livello di rumorosità perfettamente tollerabile. Ci sono però alcuni modelli, e in questo caso vi consigliamo di controllare sempre bene sul cartellino o la descrizione che accompagna il prodotto, che si attestano attorno agli 80 decibel. In questo caso il livello di rumorosità sarà eccessivamente alto, e potrebbe essere disturbante per gran parte delle persone. Dovete infatti immaginare che quando il deumidificatore è in funzione, il rumore prodotto è ininterrotto.

Queste sono considerazioni importanti da fare, se avete intenzione di utilizzarlo in casa e non, ad esempio in una cantina o un garage, lontani dal reparto notte. Se invece vi serve nel reparto notte, assicuratevi che abbia un livello basso di rumorosità.

La manutenzione

Un aspetto a cui prestare attenzione è la manutenzione. Infatti, non è sufficiente acquistare un buon deumidificatore, ma anche accertarsi che questo prodotto continui a funzionare bene nel tempo. Quindi, a questo proposito non dimenticate mai di prendervi cura del vostro deumidificatore, con una buona manutenzione. Quindi, eseguite una pulizia periodica, pulite la tanica dove viene raccolta l’acqua di condensa e per farlo utilizzate un detersivo non abrasivo.
Poi, nel caso in cui il vostro deumidificatore sia dotato di filtri dell’aria estraibili, lavateli con acqua. Se poi il deumidificatore è destinato a non essere utilizzato per un lungo periodo, cercare di proteggerlo dalla polvere. Magari chiudendolo all’interno di una busta o una protezione di plastica.

Deumidificatore a risparmio energetico

La maggior parte dei modelli di deumidificatori che potrete trovare sono elettrici, dotati di motore elettrico. Quindi, nella vostra scelta dovrete tenere in considerazione anche gli aspetti che riguardano i consumi.

Chiaramente potrete trovare modelli da tutte le tasche e da tutti i consumi, ma non perdete mai di vista quali problematiche vi aiuterà a risolvere. Alcune caratteristiche infatti vi aiuteranno ad aumentare l’efficienza, altre a risparmiare qualcosa in bolletta.
Nella vostra scelta tenete sempre bene in considerazione la capacità di deumidificazione. Ovvero, cosa determina la quantità di umidità asportabile? Maggiore sarà il valore indicato, migliori saranno i risultati, in termini di efficienza e di tempi per ottenere il risultato. Però bisogna anche dire che, se i tempi sono maggiori i consumi energetici saranno più alti.

La funzione Energy Saver

Una buona idea può essere anche quella di scegliere un deumidificatore portatile dotato di funzionalitàEnergy Saver”. Questa funzione vi permette di lavorare bene anche a una potenza inferiore, aumentando il tempo necessario per ottenere dei risultati, con consumi energetici più bassi.
Se invece siete persone che trascorrono fuori gran parte della giornata, ma allo stesso tempo non volete rinunciare a tornare a casa e trovare un clima piacevole, vi consigliamo di scegliere modelli dotati di timer. In questo modo potrete programmare l’accensione e lo spegnimento. Si tratta di un modo utile anche per risparmiare un po’ sulla bolletta, ad esempio programmando lo spegnimento nel cuore della notte, quando siete già addormentati.

Migliori deumidificatori portatili

Il deumidificatore, lo suggerisce la parola, elimina l’umidità in eccesso, condensandola in acqua che solitamente viene raccolta in un apposito contenitore. Un deumidificatore costa meno rispetto a un climatizzatore, perché chiaramente le funzioni disponibili sono inferiore. Ma potrete facilmente trovarne anche di ottima qualità a poche decine di euro.
Abbiamo selezionato per voi alcuni modelli di deumidificatore portatile, che sicuramente vi potranno orientare verso una scelta migliore.

Inventor Care 12L

Uno dei modelli che abbiamo selezionato è l’Inventor Care 12L, un deumidificatore portatile con modalità silenziosa, pannello di controllo digitale, deumidificazione continua, avvio automatico e due anni di garanzia. Il design moderno e a basso consumo energetico.

La funzione Silent, in modalità silenziosa, Avviamento e Spegnimento Automatico, Timer di 24 ore, Sbrinamento Automatico, Deumidificazione continua e a scelta Drenaggio continuo

Panello di controllo digitale a membrana con indicazioni della percentuale d’umidità della stanza o di quella impostata. Questo modello è dotato di serbatoio ad acqua da 2 Litri, con protezione contro le fuoriuscite accidentali dell’acqua e con indicatore del livello di riempimento. Potrete scegliere la funzione di deumidificazione continua quando è necessaria una deumidificazione immediata o per accelerare l’asciugatura della vostra biancheria.

Inoltre, grazie ai pulsanti + e – potrete impostare il livello di umidità desiderato, quando il livello di umidità della stanza raggiunge il livello di umidità impostato, il deumidificatore smette di funzionare abbassando notevolmente il consumo energetico.

Pro Breeze

Altro modello che abbiamo scelto per voi è il Pro Breeze, un deumidificatore portatile 12 L con 4 modalità, display digitale, scarico continuo, asciugatura del bucato e temporizzatori.

Questo deumidificatore assorbe fino a 12 litri d’acqua al giorno, e rimuoverà facilmente vapori, umidità e muffe in casa, in cantina e nelle stanze da bagno. Il serbatoio è capiente arriva a contenere fino a 2,2 litri, arrestandosi automaticamente quando viene raggiunta la capacità massima. Inoltre, è dotato di tubo di scarico continuo per l’uso prolungato.

Dispone anche di schermo LED con pannello di controllo tattile digitale, consente di impostare le seguenti modalità: normale, bassa potenza, alta potenza e asciugatura bucato.

Il sensore di umidità automatico rileva la percentuale di umidità della stanza e il livello di umidità desiderato con un temporizzatore integrato.

Questo Pro Breeze sarà perfetto per rimuovere in modo efficace vapori e muffe di umidità dal’aria. Sul display a LED troverete un sistema di spie a tre luci, che vi indicheranno il livello di umidità dell’ambiente. La spia blu indica un’umidità inferiore al 50%, la spia verde un’umidità ottimale del 50-70% e la spia rossa un’umidità relativa superiore al 70%.

Infine, se volete spostarlo da una stanza all’altra, potrete servirvi delle quattro ruote che consentono di farlo scivolere, senza doverlo sollevare.

Modello Outad

Un deumidificatore economico, ma utile per pulire e rimuovere la muffa e l’umidità da casa, cucina, camere e garage è questo di OUTAD.

Si tratta di un sistema ultra silenzioso, di raffreddamento termoelettrico, che vi permetterà di riposare meglio.

Questo deumidificatore leggero e portatile, ha un basso consumo energetico e rimuove fino a 250 ml di umidità al giorno. Infine, viste le sue dimensioni, potrete facilmente metterlo ovunque, in qualunque stanza di casa.

Spice Sahara

Validissimo anche il modello Spice di Sahara, da 11 litri. Si tratta di un deumidificatore portatile con controllo digitale e display a LED. Potrete impostare il livello di umidità desiderato e il deumidificatore la raggiungere. Poi potrete utilizzare quattro diverse modalità di funzionamento, e impostare un timer di accensione e spegnimento, da una a 24 ore.

Quando la tanica sarà ecessivamente piena, una spia vi avvertirà e potrete svuotarla.

Spice Sahara 11 litri Deumidificatore portatile per muffe e Umidità in Casa
  • Controllo digitale, con display a LED e umidostato...
  • Livello di umidità impostabile

Speriamo che questo articolo vi possa essere utile per compiere la vostra scelta.

Ultimo aggiornamento 2020-11-30